Hunter&Field: sport e natura

Cosa c’è di più bello di praticare il proprio sport preferito in mezzo alla natura? Probabilmente niente, quindi è abbastanza naturale che uno sport come il tiro con l’arco non si sia lasciato sfuggire l’occasione di praticare in mezzo ai boschi, sulle colline o in mezzo a campi verdi circondati da alberi. Il tutto, naturalmente, sotto uno stretto regime imposto dalle regole di sicurezza.

Lo stretto rapporto che c’è fra il sole, la buon aria di campagna e la natura in tutto il suo splendore con il tiro con l’arco è ormai imprescindibile e, forse, unico nel suo genere. Abbiamo accennato alle gare di campagna nel nostro articolo Il campo di battaglia: dove tirano gli arcieri ma è giunto il momento di approfondire l’argomento insieme. Iniziamo!

 

Il percorso

 

Gli Hunter&Field si svolgono normalmente su percorsi detti 12+12 e 24+24. Ma che significa? Per capirlo, innanzitutto, dobbiamo interrogarci sul nome di questo tipo di gare: perché Hunter&Field? Si tratta semplicemente delle due differenti sezioni di gara! Infatti, l’Hunter identifica la prima parte e il Field la seconda. Quindi, una gara 12+12 prevedrà 12 volée dell’Hunter e 12 volée del Field, così come 24 volée e 24 volée costituiranno una gara 24+24. Ogni volée sarà tirata da una piazzola apposita.

Bene. Cosa significa, però, una parte di gara Hunter e una parte di gara Field? Ci arriviamo, ci arriviamo 🙂 vogliamo prima sottolinearti la più importante delle differenze tra una gara di campagna e le altre gare: qui i bersagli sono disposti su un percorso e sono gli arcieri a muoversi tra l’uno e l’altro!

Nel “primo giro”, gli atleti camminano e tirano su un percorso a distanze sconosciute: sanno da dove tirare, sanno dov’è il bersaglio, conoscono il numero di piazzola ma non conoscono la distanza tra linea di tiro e bersaglio. Sembra simile alla caccia, no? Da qui il nome Hunter!

Nel secondo giro, invece, ci si muove su un percorso (che può essere lo stesso del primo giro, modificato, o un nuovo percorso) dove a ogni volée si conosce la distanza tra arciere e bersaglio: il Field.

 

 

Ragazza tira su bersaglio Hunter&Field
da archeryteamsansevero.com

 

Com’è fatto questo percorso? Innanzitutto, in base alla distanza di ogni bersaglio ci sarà una visuale differente; le visuali, infatti, sono divise in 4 categorie differenti, differenziate per misura in base al range di distanza in corrispondenza dei quali possono essere affisse. Ne parleremo comunque meglio quando parleremo dei punteggi. Per quanto riguarda il percorso, invece, il regolamento recita:

 

La distanza da percorrere a piedi dall’area centrale (punto di ritrovo) al bersaglio più lontano non deve essere più di un (1) chilometro o richiedere più di 15 minuti camminando a passo normale. Chi predispone i percorsi dovrà prevedere dei tragitti alternativi e sicuri per Arbitri (Giudici di Gara), personale medico e per trasportare il materiale sui percorsi di gara, mentre sono in corso i tiri. I percorsi non dovranno essere predisposti a più di 1800 m s.l.m. e il dislivello massimo tra il punto più alto e quello più basso del percorso non dovrà essere superiore a 100 m.

 

Come puoi vedere, le regole sono ben precise. Nei fatti, consentono “facilmente” di realizzare un percorso adatto in molti luoghi e in Calabria, come puoi ben immaginare, di luoghi adatti ce ne sono veramente tanti! Uno dei più belli è sicuramente quello degli amici degli Arcieri della Sila, di Spezzano della Sila, che vedrà impegnati gli arcieri calabresi il prossimo 13 maggio 🙂

 

 

Arcieri durante un tiro Hunter&Field
da inviatoquotidiano.it

 

Non solo, se il luogo lo consente sarà molto difficile trovare una piazzola in piano, dove bersaglio e picchetto sono sullo stesso livello! Questa è forse la caratteristica più affascinante di questo tipo di gare, perché tirare su un piano in pendenza non è assolutamente facile!

 

 

Arcieri su tiro in pendenza
da un video di Ferruccio Berti

 

Come puoi ben immaginare, un’altra difficoltà notevole (ma, almeno a nostro parere, forse è l’aspetto più interessante di una gara H&F) è “indovinare” la distanza a cui si deve tirare durante l’Hunter! In realtà, un occhio ben allenato già può intuire quali siano le giuste distanze…e con qualche tecnica è possibile diventare molto precisi anche nella stima. L’importante è la correttezza: sono vietati tutti gli strumenti atti a misurare la distanza, come i telemetri.

 

I punteggi

 

Dicevamo qualche rigo sopra che le visuali del tiro di campagna non sono standard ma variano in base alla distanza di ogni piazzola. I bersagli, infatti, sono di quattro misure differenti:

 

 

Bersagli Hunter&Field
da arcieriamarin.it

 

e si dividono in base ai seguenti range:

 

 

Distanze in un Hunter&Field
da pietrolaurenziello.wordpress.com

 

Come puoi notare, queste visuali sono molto diverse dal solito: sono quasi tutte nere e non hanno 10 cerchi ma 6. In effetti i punteggi sono leggermente differenti, poiché vanno dall’1 al 6 e le dimensioni di ogni cerchio sono differenti da quelle delle targhe classiche.

 

Sembra tutto molto complicato, lo sappiamo, ma ti assicuriamo che è molto più semplice di quello che appare!

Un altro aspetto che sicuramente non ti sarà sfuggito è che non tutti tirano negli stessi range di distanza. Infatti, nella tabella in alto puoi notare che ci sono tre picchetti differenti: giallo, blu e rosso. Questi picchetti sono i riferimenti che indicano agli arcieri da dove tirare a ogni bersaglio, in base alla loro divisione (ovvero il tipo di arco) e la loro classe (in base all’età): il picchetto giallo è quello che tira da più vicino, poi c’è il picchetto blu e infine il picchetto rosso.

 

Classifiche

 

Le classifiche delle gare Hunter&Field, in realtà, non differiscono molto dalle solite classifiche. Ci si basa sempre su classe e divisione, come sempre. L’unica vera particolarità è riferita alle squadre: non ci saranno squadre composte da atleti della stessa classe e divisione ma squadre miste, in cui ogni componente appartiene a una divisione differente.

 

Come ti sembrano questi Hunter&Filed?

Beh, adesso ne sai decisamente un po’ di più delle gare di campagna. Come ti sembrano? A noi sembrano divertenti, come prima cosa. E sono sicuramente impegnative. In una parola, è sport 🙂

Lasciaci un commento per farci sapere cosa ne pensi! E vieni a trovarci per conoscere dal vivo anche le gare di campagna!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *